Accoglienza minori Frosinone
Accoglienza adolescenti Frosinone Casafamiglia Frosinone Accoglienza minori Frosinone
Accoglienza minori Frosinone
Accoglienza adolescenti Frosinone Accoglienza adolescenti Frosinone
Casafamiglia Frosinone
Accoglienza minori Frosinone Casafamiglia Frosinone
Accoglienza adolescenti Frosinone
Casafamiglia Frosinone Accoglienza adolescenti Frosinone
Accoglienza minori Frosinone
Accoglienza adolescenti Frosinone
Casafamiglia Frosinone
Casafamiglia Frosinone Accoglienza minori Frosinone Accoglienza minori Frosinone
Accoglienza adolescenti Frosinone
Accoglienza minori Frosinone Casafamiglia Frosinone Casafamiglia Frosinone
Accoglienza adolescenti Frosinone
Accoglienza minori FrosinoneAccoglienza adolescenti FrosinoneCasafamiglia FrosinoneCasafamiglia Frosinone

Accoglienza adolescenti Frosinonewww.cncm.it

Casafamiglia Frosinonewww.casafamiglia.org

Accoglienza minori Frosinonewww.minori.it

Accoglienza adolescenti Frosinonewww.istitutodeglinnocenti.it

Casafamiglia Frosinonewww.regione.lazio.it

Accoglienza minori Frosinonewww.minoriefamiglia.it

Accoglienza adolescenti Frosinonewww.senato.it

Fondazione Romawww.fondazioneroma-terzosettore.it

 

Accoglienza minori Frosinone

LA STRUTTURA

L'edificio di proprietà della Congregazione delle Suore Francescane del Sacro Cuore, è una villetta a tre piani, recentemente ristrutturata, con uno spazio esterno di circa 500 mq. La struttura abitativa interna, è stata realizzata creando ambienti piccoli e confortevoli: zona notte con camerette a due letti e bagno annesso; zona giorno con ambienti più ampi, per le attività comuni: pranzo, gioco, studio. L'edificio è dotato di ascensore e sono state abbattute le barriere architettoniche in modo da rendere la struttura idonea alle esigenze di ospiti con disabilità.

CHI SIAMO

Siamo una Comunità religiosa situata nella zona alta di Frosinone. La conduzione della Casa Famiglia è affidata ad una religiosa, Suor Donatella Toso, con il compito di responsabile della struttura e referente dei minori, specie dal punto di vista affettivo. A lei è inoltre affidato il compito di tenere i rapporti con gli Enti, le Scuole, le strutture specialistiche e le famiglie. Al buon andamento della casa, collabora anche Suor Raffaella, “capo chef” per la preparazione di appetitosi pranzi e dolci. Il personale religioso è coadiuvato da quello laico, maschile e femminile per l'assolvimento dei numerosi compiti: educativi, formativi e ricreativi. Tali collaboratori sono: due educatori professionali rispettivamente maschio e femmina, i volontari del sevizio civile e i tirocinanti del corso di laurea in Scienze dell'Educazione dell'Università di Cassino e del corso di laurea in Psicologia dell'Università dell'Aquila.

GLI OSPITI

Attualmente, in Casa Famiglia abitano in modo residenziale 8 bambini, dai tre ai quattordici anni di età; ma il numero complessivo durante il giorno è di circa 20 minori a causa delle esigenze delle zone limitrofe. La struttura comprende anche un monolocale totalmente autonomo, con zona notte, zona giorno e angolo cottura, per la pronta accoglienza di mamme con bambino per i quali si rende necessario un immediato allontanamento dal nucleo famigliare.

FINALITÀ

L'inserimento in comunità è temporaneo ed ha come finalità:

  1. Favorire lo sviluppo armonico della presenza;
  2. Tutelare il minore per prevenire il disagio psicologico e sociale;
  3. Stimolare i servizi a lavorare verso la famiglia;
  4. Reinserimento dei minori in famiglia;
  5. Affidamento famigliare;

Pertanto, durante la permanenza dei ragazzi in Casa Famiglia, l'intervento è diretto a rendere più responsabili le famiglie d'origine, a individuare nel territorio, le famiglie idonee al loro affidamento, a offrire ai minori ospiti per tutto il periodo della permanenza, un ambiente sereno e sollecitante. Essendo la famiglia, il luogo deputato all'armonioso sviluppo della personalità del minore, si cerca di aiutare e sostenere questa a superare momenti di difficoltà e/o di bisogno: malattie, lavoro, separazioni, disgregazioni. La risoluzione o meno di tali eventi porta al rientro dei minori in famiglia, o a vagliare la possibilità di affido presso famiglie disponibili e idonee; viceversa, nei casi di inaffidabilità dei genitori alla soluzione di adozione, con l'interruzione del legame con le figure genitoriali.

PROGETTO

Il nostro progetto è quello di offrire esperienze di vita quotidiana finalizzate allo sviluppo di capacità cognitive, relazionali, sociali e al recupero dell'equilibrio affettivo di ogni ragazzo; di favorire il reinserimento familiare dei minori ospiti nella famiglia d'origine oppure in famiglie affidatarie e/o adottive; di avviare all'autonomia quei minori vicini alla maggiore età per cui non è stato possibile un reinserimento familiare ed infine, di sensibilizzare il territorio attraverso il volontariato.